DILLO A NONNA ROSA!

14 apr 2018

Di **Nonna Rosa

I Big Data

Nonna Rosa

Ciao a tutti. Oggi saltiamo la solita ricetta della nostra Scuola di Cucina per rispondere alle tante email che mi sono arrivate e che mi chiedono all’unisono una cosa:” Nonna è vero che mi spiano su Facebook? Come devo fare per proteggermi?” La notizia degli ultimi giorni è molto importante: è stato scoperto un nuovo “oro nero”, un nuovo “petrolio”, preziosissimo e importantissimo, i Big Data. Sono i grandi contenitori dei nostri dati personali: nome, data di nascita, città, amicizie, cosa ci piace, cosa non ci piace, cosa compriamo, cosa guardiamo in tv e migliaia di altre notizie che vengono immagazzinate dai social network (Facebook, Twitter e simili) quando ci registriamo e quando ci colleghiamo.

I social, corrono su internet alla velocità della luce e le leggi sulla privacy, affannosamente, cercano di star loro dietro per difendere il nostro privato giust’appunto.

big data

I nostri dati, vengono sfruttati per mandarci pubblicità mirata e per attirarci in acquisti altrettanto calcolati. Se io visito sempre la pagina di un cartone animato, c’è un’ altissima possibilità che acquisti subito un gadget di quel cartone animato. Se io vedo tutti i giorni la pagina di un partito politico, c’è un’ altissima possibilità che risponda favorevolmente ad iniziative di quel partito. Ed altri esempi se ne potrebbero fare a volontà. Ogni volta che visitiamo un sito internet, questo, memorizza nel nostro computer o telefonino dei cookies, dei piccoli file, (innocentemente chiamati “biscotti”, perché questo vuol dire in italiano al singolare cookie), cioè piccoli file per l’appunto, che memorizzano i nostri dati di navigazione. Una legge recente ha obbligato i provider a far apparire ogni volta l’avviso che ci informa di ciò e ci lascia decidere se navigare o no.
Nessuno dice di no e questi avvisi, guarda caso, sono scritti in caratteri che neanche il microscopio è in grado di evidenziare, cosa che già di per sé annulla qualsiasi contratto imposto anche dal solo navigare, perché considerato dalla Legge attuale VESSATORIO. Profilarci è la moda del momento. Tutti sanno di tutti. I telegiornali ci raccontano che i dati di 87milioni di utenti di Facebook sono stati ceduti ad agenzie che li hanno utilizzati per fini di indirizzamento politico.

social

I mezzi per proteggersi ci sono, come fare?

Semplice, leggere tutto senza fretta e cliccare solo sulla casella che ci interessa; non loggarsi a un’app o a un sito con l’ account Facebook, ma generare un nuovo account (cosa che per pigrizia non si fa); evitare quei test “a chi assomigli”; “cosa dice il tuo oroscopo” ecc. ecc. perché sono fatti apposta per profilarci.

tutti connessi

Le informative abbiamo il diritto di averle e per legge devono essere brevi, chiare e concise.
Non usate il computer da soli.
Se non sapete come funziona qualcosa, chiedete a un amico più in gamba.

smartphone e bambini

Se volete fare un regalo a un bambino, evitate lo smartphone, ma regalategli un pallone!!!
Il movimento all’aria aperta e le relazioni che aprirà con altri, saranno più importanti di qualsiasi app.
Se proprio dovete regalare lo smartphone, sappiate che molti operatori hanno dei sistemi di sicurezza per la navigazione internet dei più piccoli ed esistono dei metodi per localizzare il cellulare ovunque si trovi.

Occhi aperti, sempre…

Amici miei, lo spazio è già finito. A sabato prossimo.
Scrivetemi pure a nonnarosa.web@libero.it
Risponderò a tutti.
Ciao da Nonna Rosa

Condividi!
    RSS Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto verra' aggiornato senza alcuna periodicita'. Non e' finanziato con fondi di Enti, Istituzioni e/o Privati. E' sostenuto nella compilazione dei testi in modo volontaristico, gratuito e popolare da chiunque, non costa nulla, (eccetto quanto dovuto per il dominio, a totale carico del responsabile del sito stesso), e non produce effetti economici per se o per terzi. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale. La maggior parte delle immagini qui inserite sono tratte dai fatti di cui chi scrive e' testimone; se qualche immagine violasse i diritti d'autore, comunicatelo e sara' immediatamente rimossa.