In Molise Vige L’Anarchia: Unica Regione D’Italia A Non Aver Applicato Il Decreto Madia

11 apr 2018

Di Claudia Mistichelli
(Candidata Alle Elezioni Regionali Per “Fratelli D’Italia”)

Claudia Mistichelli

Con il D.L. n°75/2017 (art. 20), meglio conosciuto come Decreto Madia, lo Stato Italiano ha attuato un provvedimento, recepito da tutte le regioni italiane con l’eccezione del Molise. Il Decreto prevede la stabilizzazione dei precari della Pubblica Amministrazione, in possesso dei tre requisiti obbligatori, ovvero: risultare in servizio in data successiva al 28 agosto 2015, aver maturato minimo 36 mesi di servizio (anche non consecutivi) presso una Pubblica Amministrazione e soprattutto, essere stati assunti previo superamento di una selezione pubblica per titoli e/o esami.

L’attivazione di tale Decreto, prevede di fatto che le varie Regioni provvedano ad effettuare una ricognizione del personale che abbia i tre requisiti previsti e che lo stesso venga inserito in una lista. Da questa, l’Amministrazione deve attingere per l’assunzione del personale di cui ha bisogno. Bloccando, de facto, tutti i concorsi o le assunzioni a tempo determinato o con contratti CO.CO.CO o CO.CO.PRO fino all’azzeramento della lista di cui sopra.

Tutte le Regioni hanno recepito tale Direttiva Nazionale avviando procedure di stabilizzazione per i lavoratori che hanno maturato tali diritti, tutte le regioni, tranne il Molise (forse diventata nel frattempo una nuova regione autonoma) dove si continuano a calpestare i diritti dei lavoratori.

SIMBOLO DI FRATELLI D'ITALIA

In una realtà come la nostra, già molto delicata e disagiata, tante famiglie sono in attesa di conoscere il proprio futuro e di vedere riconosciuta ed applicata una legge nazionale, evitando, in questo modo, di accentuare il penoso fenomeno dell’emigrazione e dello spopolamento del Molise.

Condividi!
    RSS Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto verra' aggiornato senza alcuna periodicita'. Non e' finanziato con fondi di Enti, Istituzioni e/o Privati. E' sostenuto nella compilazione dei testi in modo volontaristico, gratuito e popolare da chiunque, non costa nulla, (eccetto quanto dovuto per il dominio, a totale carico del responsabile del sito stesso), e non produce effetti economici per se o per terzi. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale. La maggior parte delle immagini qui inserite sono tratte dai fatti di cui chi scrive e' testimone; se qualche immagine violasse i diritti d'autore, comunicatelo e sara' immediatamente rimossa.