Terremoto: Quindici Anni Dopo, I Politici Ancora Giocano Con La Vita Dei Bambini

11 gen 2018

Di Vittorio Venditti
(Foto), Di Salvatore Di Maria E Prese Da Internet Da Salvatore Di Maria E Vittorio Venditti

La Legge Impone La Parola FINE

Il Sindaco Di Tufara Donato Pozzuto, del 3 dicembre 2011

Potrei essere volgare e sessista suggerendo a Donato Pozzuto come utilizzare la carta spesa per il suo ormai famoso ricorso al TAR a proposito di quanto espettorato per l’ultima volta circa un mese fa, qui quell’ultima puntata)

quella, del 25 maggio 2014

e nel contempo ricordare a quella quant’è stata utile in tema, atteso che alla fine, dopo che il popolo ha dettata Legge, quest’ultima, (la Legge, non chi dice di avere titolo per dettarla), sia venuta allo scoperto come segue: Cassazione: Sequestro per le scuole a rischio sismico, anche lieve.

Hula Hoop

Ribadisco che Donato Pozzuto è un ottimo politico e di conseguenza sono convinto che si guarderà bene dal proferir parola, atteso che se dovesse ancora una volta azzardare il suo pensiero in materia senza modificarne radicalmente l’intento, (come fosse un Luigi Di Maio di questi giorni a proposito del paventato referendum sull’uscita dell’Italia dall’Euro, ora disconosciuto a fini elettorali), il Sindaco tufarolo sia anche a rischio di denuncia penale, visto che il fermo alla sua scuola avrebbe dovuto darlo lui, senza alcuna condizione.

In questo periodo stanno accadendo fatti strani, compreso il troppo caldo di questi giorni che spero non sia complice delle azioni che via via porterò all’esame della tua intelligenza: Contraccettivi e Vaticano; chi mi ha attaccato senza pietà e ritegno alcuno, ora si sta rendendo conto dei propri errori e della superficialità che li ha generati, (da gente gretta non mi aspetto richiesta alcuna di scuse), e non ultima, quest’attenzione di uno stato che a suo tempo è stato e che ora non è più, per la salute dei bambini, ragione probabilmente viva per via dello spopolamento italico, rimpinguato da futuri cittadini, provenienti però da altri lidi.

Per ora non indago più di tanto, visto che a me interessa che dopo le denunce, si arrivi a raddrizzare ciò che non va e viene messo in luce; m’interessa al punto di risponderne legalmente e far valere in tribunale le ragioni di azioni dirompenti, non per guadagno personale, ma per vantaggio alla cittadinanza, senza chiedere a questa alcun riconoscimento, anzi, tutto ciò, rigorosamente ed insindacabilmente a mie spese, atteso che me lo possa permettere senza scendere a compromessi con chi che sia. Da qui però a vedere che le cose iniziano a filare, ce ne passa e la cosa mi preoccupa non poco.

Sta a vedere che si avvicina l’Apocalisse ed io potrò finalmente riposarmi?

Riassunto delle Puntate Precedenti

Terremoto: Quindici Anni Dopo, I Politici Ancora Giocano Con La Vita Dei Bambini
Scuola Di Tufara. Richiesta Straordinaria E Urgente Convocazione Consiglio Comunale Di Gambatesa
Gambatesa: Una Bella Notizia Con Sottofondo Di Torpore
Terremoto: Quindici Anni Dopo, I Politici Ancora Giocano Con La Vita Dei Bambini
Terremoto: Quindici Anni Dopo, I Politici Ancora Giocano Con La Vita Dei Bambini
Gambatesa. Diatriba Scuole: Com’E’ Andata A Finire?
Gambatesa. Diatriba “Scuole”: Finalmente Qualcosa Di Ufficiale!
Gambatesa. Diatriba Scuole: Finalmente La Burocrazia E’ Arrivata Ai Risultati Stabiliti
Terremoto: Quindici Anni Dopo, I Politici Ancora Giocano Con La Vita Dei Bambini
Dimenticate Che Fu San Giuliano: Voi Protestate? NOI RESISTIAMO!!!
Terremoto: Quindici Anni Dopo, I Politici Ancora Giocano Con La Vita Dei Bambini

Condividi!
    RSS Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto verra' aggiornato senza alcuna periodicita'. Non e' finanziato con fondi di Enti, Istituzioni e/o Privati. E' sostenuto nella compilazione dei testi in modo volontaristico, gratuito e popolare da chiunque, non costa nulla, (eccetto quanto dovuto per il dominio, a totale carico del responsabile del sito stesso), e non produce effetti economici per se o per terzi. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale. La maggior parte delle immagini qui inserite sono tratte dai fatti di cui chi scrive e' testimone; se qualche immagine violasse i diritti d'autore, comunicatelo e sara' immediatamente rimossa.