Gramsci E La Potenza Politica Della Religione

13 nov 2017

Di Giovanni Carugno

SEMINARIO INTERNAZIONALE
LA DUE GIORNI UNIMOL DEDICATA AD ANTONIO GRAMSCI

14 e 15 novembre Sala “Enrico Fermi” Biblioteca di Ateneo,
Viale Manzoni a Campobasso

“Gramsci e la potenza politica della religione”: per commemorare gli ottanta anni dalla morte di Antonio Gramsci, l’Università degli Studi del Molise ha scelto un titolo che unisce l’attualità all’originalità, abbinando due temi – marxismo e religione – ad alta vis polemica e associandoli alla riflessione di uno dei maggiori pensatori mondiali del Novecento.

Come, allora, potersi avvalere della non convenzionale lettura gramsciana dei caratteri della religione per intendere «ciò che succede nel mondo grande e terribile» di oggi? Incontrare tracce interpretative sul tema della religione in Gramsci capaci di mettere d’accordo tutti è illusorio. E, tuttavia, la congiuntura storica risulta propizia e insieme cogente per approfondire questo campo d’analisi liberi da accuse di “eresia”, diffidenze e complessi di superiorità.

Proveranno a farlo alcuni tra i massimi studiosi gramsciani: lo storico Giuseppe Vacca, presidente della Fondazione Gramsci, Cosimo Zene, del Department of Religions and Philosophies dell’Università di Londra, Francesca Izzo (Università l’Orientale), Guido Liguori, presidente della International Gramsci Society, Tommaso La Rocca (Università di Ferrara) e Massimo Sciarretta (UniMol), moderati da Roberta Picardi e Giovanni Cerchia, anch’essi docenti dell’Ateneo molisano.

Appuntamento da non perdere. Si parte martedì 14 novembre 2017, alle ore 15.00. Il giorno dopo, sempre nella Sala “Fermi”, l’apertura dei lavori è prevista alle ore 9.00

Programma Seminario Gramsci
Condividi!
    RSS Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto verra' aggiornato senza alcuna periodicita'. Non e' finanziato con fondi di Enti, Istituzioni e/o Privati. E' sostenuto nella compilazione dei testi in modo volontaristico, gratuito e popolare da chiunque, non costa nulla, (eccetto quanto dovuto per il dominio, a totale carico del responsabile del sito stesso), e non produce effetti economici per se o per terzi. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale. La maggior parte delle immagini qui inserite sono tratte dai fatti di cui chi scrive e' testimone; se qualche immagine violasse i diritti d'autore, comunicatelo e sara' immediatamente rimossa.