Occhio Per Occhio?

12 ott 2017

Di Vittorio Venditti
(Collaborazione), Di Marco Frosali
(Foto), Prese Da Internet Da Stefano Venditti

Non Hanno Proprio Niente Di Serio Da Fare

Con una farneticazione che avrei dovuto espettorare venerdì scorso, se non fosse arrivata l’urgenza dello “sfascio gambatesano”, dopo aver allegramente bypassato quanto si è tenuto ieri pomeriggio a Gambatesa presso l’Auditorium, cosa aborrita anche da componenti “loro” che ho sentite con le mie orecchie sulla rotonda della villa ieri sera poco dopo le otto, dire testualmente: “Ma ti è sembrato interessante…”, (non rimetto il commento schifato di chi interloquiva per rispetto alla tua intelligenza), cosa che la dice lunga sul Successo dell’iniziativa in favore di chi non dovrebbe dimenticare, zappa sui piedi di coloro che se fossero politicamente perspicaci, dovrebbero iniziare a far scordare le superficialità commesse da chi ci amministra nel borgo e rimandata a lunedì prossimo la “Vittoria Di Pirro” a proposito dei piccioni mal rimossi dai paraggi dell’ufficio postale,

oggi al posto dello sfascio, torno a parlare di fascio e dintorni, con quella puntina di fastidio che non guasta. I fatti:

Benito Mussolini

Una ventina di giorni or sono, ironizzai sul fatto che in Italia si parla tanto di democrazia, E Continuano Ad Aver Paura Del Duce. Qualche giorno fa, il buon Marco mi ha fornita una pezza, (ovviamente con il commento associato), articolo il cui contenuto, probabilmente ancor più puerile di ciò che mi ha scatenato a suo tempo, farebbe schifo anche al più ritardato dei bambini frequentanti la peggior scuola dell’infanzia: Un comune emiliano mette al bando il comunismo: vale il principio del ddl Fiano, “Mah…il ragionamento fila. Io abolirei tutte le ideologie…creano solo dissapori e incomprensioni”!

Fidel Castro

Il “comune” che mette al bando il “comunismo” è bella…

seriamente: Marco la pensa così e come al solito è giusto che esprima il suo pensiero; io credo invece che se si avesse la voglia di amministrare con serietà, si lascerebbe la storia al suo ruolo, facendo tesoro di quanto accaduto nel bene o nel male, proprio per riportare la politica all’attenzione di chi, oggi come oggi, la guarda da lontano, tanto è lo schifo che ne deriva, magari a seguito di queste inutili quanto anacronistiche scaramucce, non concepibili neppure dalle scimmie più dispettose.

Condividi!
    RSS Ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n.62, il presente sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto verra' aggiornato senza alcuna periodicita'. Non e' finanziato con fondi di Enti, Istituzioni e/o Privati. E' sostenuto nella compilazione dei testi in modo volontaristico, gratuito e popolare da chiunque, non costa nulla, (eccetto quanto dovuto per il dominio, a totale carico del responsabile del sito stesso), e non produce effetti economici per se o per terzi. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale. La maggior parte delle immagini qui inserite sono tratte dai fatti di cui chi scrive e' testimone; se qualche immagine violasse i diritti d'autore, comunicatelo e sara' immediatamente rimossa.